il BIOTIPO COSTITUZIONALE e CARATTERIALE

Il FENOTIPO è la risultante dell'interazione del GENOTIPO con l'ambiente della cellula (epigenetica) dei tessuti e del mondo esterno. Tra le proprietà intrinseche e innate degli organismo viventi vi sono: la crescita e la rigenerazione, ma soprattutto la trasformazione e l'evoluzione, cioè la capacità di imparare e mutare in base alle esperienze.

STRUMENTI


  • Plicometria sottocutanea
  • Diametri corporei degli arti e dell'addome
  • Software clinico
  • Anamnesi clinica
  • Osservazione Somatica Caratteriale
  • Test clinico ormonale
  • Test clinico neuro-vegetativo
  • Pelvimetria dinamica esterna

INTERPRETAZIONE


La forma del corpo, il MORFOTIPO, è la risultante di varie componenti: genetica, epigenetica, metabolica e ormonale. Tre di esse sono evolutive, si modificano con il tempo, per cui possono essere modulabili dallo stile di vita, dalla alimentazione, dall'attività fisica, da farmaci e cure appropriate.

Vari Autori (Seldon, Martiny, Pende, Barbara, ...) hanno dato il loro contributo lasciandoci 4 tipi principali, facilmente riconoscibili, differenti per forma, temperamento, tono ormonale, metabolico e vegetativo. Ognuno di noi però è un tipo misto.

Alexander Lowen, psicanalista bioenergetico, ha studiato la forma corporea e il tipo di respirazione in relazione alla corazza caratteriale e alle caratteristiche difensive e relazionali.

Anche le ossa pelviche prendono forma e spazi differenti a seconda del loro morfotipo. La loro dinamica e la modifica degli spazi interni rifletterà la forma: Forma e funzione interagiscono e si completano a vicenda.

Ad ogni BIOTIPO corrisponderà una predisposizione morbosa e una peculiare risposta alle terapie, che andranno quindi scelte in base alla costituzione.

Marco Siccardi. Corso Italia, 4/3 - 17100 Savona. +39 0198386311      © 2017  Tutti i diritti riservati.
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!